Thierry Mortet Passetoutgrain: bere bene anche ad un pic nic

Vini di Borgogna: bere bene anche ad un pic nic con il Passetoutgrain di Thierry Mortet

I vini di Borgogna non sono per tutti, sono per gli appassionati, per chi il vino lo vuole capire, per chi ricerca una struttura ed una complessità di espressione che poche altre regioni possono offrire.

Non si può approcciare i vini di Borgogna senza avere alle spalle un minimo di esperienza, perchè i terroir di Borgogna esprimono caratteristiche organolettiche uniche nel loro genere, i cui vini sono spesso prodotti in biodinamica per permettere l’assoluta esplosione di tutta la loro particolarità in maniera del tutto naturale senza chimica di manipolazione.

Per chi vuole iniziare un percorso degustativo sui vini di Borgogna, deve farlo partendo gradualmente dal “basso”, dai vini base semplici e facili da comprendere, per poter creare un piccolo bagaglio d’esperienza che, con il tempo, permetta di capire vini più complessi fino ai Grand Cru, punta di diamante della Borgogna.

Il Passetoutgrain di Mortet è un perfetto esempio di vino semplice da intendere, un entry level fresco, piacevole, da gustare in tutte quelle occasioni quotidiane in cui si vuole bere senza eccessivo impegno pur mantenendo un certo livello di qualità e particolarità.

È un vino di Borgogna ottimo per chi vuole iniziare ad assaporare i prodotti enologici di questa terra così dedita alla produzione vitivinicola.

Rosso rubino tendente al violaceo, carico nel bicchiere, limpido e brillante ai riflessi.

Al palato i frutti rossi sono sensibili, ma è la ciliegia che primeggia tra tutti gli altri sentori attraverso note ben marcate e piacevolmente profumate che donano freschezza.

Abbinabile tranquillamente a qualsiasi tipologia di piatto, è un vino facile, che ben si adatta a diverse situazioni senza marcare eccessivamente lati troppo definiti o complessi che non permetterebbero questa facilità di abbinamento, con un’acidità spinta che dona una freschezza potente.

Ogni sorso ricorda un momento di relax stesi su un ombreggiato prato verde in estate, è il vino perfetto per un pic nic.

PASSETOUTGRAIN THIERRY MORTET: LO TROVI QUI

 

vini di borgogna

Vini di Borgogna: il domaine di Thierry Mortet

Il Domaine Thierry Mortet è giovane, fondato nel 1992 per l’esattezza, basandosi però sulla coltivazione delle vigne di una tradizione ben più antica ripresa in seguito allo scioglimento della tenuta nello stesso anno: il Domain Mortet Charles & Fils dove, il padre, divide la tenuta tra i due figli.

La giovane età di questo domaine non ha però inciso sull’elevata qualità dei vini prodotti che contano oltre 10 denominazioni riconosciute e diversi riconoscimenti ed elogi pubblicati in molte testate giornalistiche nazionali e concorsi di settore.

Thierry Mortet sorge al centro del villaggio di Gevrey-Chambertin a nord della costa del vino, la Cotes de Nuits, tra Digione e Nuits-Saint-Georges, dove le uve maturano su un terroir di calcare argilloso, marna bianca, basamento lavico e un fondo di roccia e ghiaia.

Le caratteristiche organolettiche conferite dal terroir e dal clima tipico della zona, unito a tecniche di produzione che dal 2007 si stanno spostando sempre di più verso l’agricoltura biologica, conferiscono ai vini di Mortet un carattere distinto, complesso e vivo.

Dal 2007, Thierry Mortet ha voluto finalizzare la conversione in BIO delle tecniche di coltivazione al fine di portare avanti quello è stato il suo primario obiettivo dal momento in cui ha preso in mano la sua parte di eredità dell’ex tenuta paterna: produrre vini che possano esprimere tutto il potere, la finezza e la grande qualità del suo vigneto e del terroir che lo culla.

SCOPRI TUTTI I VINI DEL DOMAINE THIERRY MORTET

Site Footer