Gevrey-Chambertin e i grandi vini di Borgogna del Domain Bernard Dugat-Py

In pochi conoscono questo grande Domaine di Borgogna, ma probabilmente in molti avranno assaggiato i suoi vini: Bernard Dugat-Py, l’istituzione borgognona della denominazione Gevrey-Chambertin, vignaiolo di tredicesima generazione oggi e produttore di alcuni dei più grandi vini di Borgogna.

Dugat-Py è un domaine che affonda le sue radici in terra di Borgogna dal XVII secolo, Bernard e suo figlio Loic rappresentano oggi la dodicesima e tredicesima generazione di vignaioli e da 4 secoli le metodologie di coltivazione e vinificazione restano pressochè invariate: basate sull’attento rispetto della natura, dei cicli naturali di crescita e della vinificazione in cantina che vedono nel 1999 il primo anno di attività completamente in organica.

Nel 2003 il Domaine diventa totalmente biologico, l’aratura avviene per mezzo di traino animale in modo da non compattare eccessivamente il terreno favorendo la biodiversità del suolo, e i terreni coltivati vengono largamente ampliati con l’acquisizione di numerose nuove vigne in Pommard, Meursault Blanc, Les Evocelles, Corton Charlemagne e 2 1er Cru: Pernard Vergelesses Sous Fretille e Chassagne Montrachet Morgeot Blanc.

Le cantine di invecchiamento sono situate nella parte vecchia del villaggio all’interno di un’antica abbazia dove i vini vengono lasciati a riposo fin dal IX secolo.
Ancora oggi, i vini di Dugat-Py, vengono lasciati all’invecchiamento dai 18 ai 24 mesi in condizioni di temperatura ed umidità assolutamente ottimali e particolari nei sotterranei dell’abbazia.

Lo stile Dugat-Py è invariato da tredici generazioni trascinando con sè un know-how secolare che nel tempo ha segnato uno stile inconfondibile nella vinificazione, lavorando a selezione manuale su vigne che hanno tutte più di 65 anni di età.
Seguendo l’antica tradizione vignaiola di Borgogna le uve non vengono mai acquistate, così come le riserve o i vini utilizzati per le cuvee, al fine di mantenere sempre un esclusivo controllo di garanzia e qualità data dalle proprie metodologie di coltivazione e vinificazione.

Da questa attenzione, know-how e rispetto della tradizione ne conseguono vini incredibilmente corposi ed eleganti naturalmente dediti all’invecchiamento.

Il vino dedicato alla video-degustazione di oggi è il Charmes Chambertin 2007, un vino tutto da scoprire che, se degustato con occhio critico al netto delle informazioni riportate in questo articolo,  non potrà che essere un interessante viaggio fatto di sensazioni, profumi e sapori che solo la Borgogna e solo un grande produttore strettamente legato alla tradizione può offrire.

Parliamo di un vino complesso sia dal punto di vista del profilo aromatico che gustativo, un corpo strutturato che dopo 7-8 anni di invecchiamento sprigiona spettri aromatici molto ampi e corposi, un vino da comprendere bene nella sua complessità dal punto di vista degustativo che non può fare altro se non stupire chi lo assapora.

Lo Charmes Chambertin 2007 del Domaine Bernard Dugat-Py lo trovi qui.

Site Footer