COSA SIGNIFICA VINO D’ANNATA REALMENTE E COSA SIGNIFICA REGALARLO?

Sembra scontato ma no, non tutti lo sanno davvero, perché non è semplice scardinare il concetto di vino degustabile a cui tutti siamo generalmente abituati.

vini d’annata, di cui noi di Grandibottiglie.com siamo specialisti da 15 anni, sono prima di tutto delle vere e proprie opere di antiquariato, opere da collezione, e solo in un secondo momento, forse, vini intesi come prodotto da degustazione.

Perché forse? Perché è molto importante chiarire che il vino è un prodotto assolutamente naturale, soggetto ad una enorme quantità di variabili che ne influenzano il corpo con il passare del tempo ed è per questo motivo che, per quanto riguarda le bottiglie di vini d’annata con magari 30, 40, 50 anni e più di età, non è mai possibile garantirne la bevibilità.

Nonostante questo si comprano e si vendono lo stesso, anche se non si ha la certezza che si possano bere e, tra l’altro, alcuni pagandoli anche a caro prezzo!

Sapete il perché?

Perché i vini d’annata sono innanzitutto un importante oggetto da collezione, un prestigioso ed emozionante pensiero per un appassionato di vino, un sorprendente ed entusiasmante regalo per chi, al suo compleanno dei 50 anni, apre una cassetta portavino personalizzata con all’interno una prestigiosa bottiglia di vino della sua stessa data di nascita, magari di un prestigioso produttore.

E’ principalmente un vino da collezionare, da esporre fieramente su un bel piedistallo che ne valorizzi l’importanza.

Ma non solo, una bottiglia d’annata può essere un grande regalo in occasione di qualsiasi evento importante come compleanni, anniversari, nozze, regali aziendali e ricorrenze assolutamente speciali, magari accompagnata da accessori vino personalizzati che rendano ancora più esclusivo il regalo pensato per la persona a cui è destinato.

Il vino è solitamente un pensiero che si porta alle cene a cui si è invitati, che si stappa in occasioni speciali o con persone speciali. Quante volte vi siete chiesti “ma che vino posso regalare a quella persona che se ne intende?” oppure, “cosa posso regalare di originale e nuovo, che non si aspetti?”

Il punto è che una bottiglia di vino d’annata non è mai stata la vostra risposta, vero o no? Bè sappiate che invece è un’ottima risposta!

Regalare una bottiglia di vino d’annata è un gesto molto più entusiasmante di quanto voi pensiate perché racchiude al suo interno ricordi, emozioni, sentimenti e memorie di un tempo che ormai è passato, trascorso, è lontano e distante da noi, indipendentemente dal fatto che la persona in questione sia appassionata di vino o no o che la bottiglia sia effettivamente bevibile.

Ricordo che ai 60 anni di mio papà, che di vino non direi proprio se ne intenda particolarmente, non sapevo proprio cosa comprare e decisi di regalargli una bottiglia di vino del suo stesso anno di nascita contenuta all’interno di una cassetta vino personalizzata in legno, sulla quale avevo fatto incidere a laser una dedica apposita.

Vini d’annata…sappiamo tutti cosa significa davvero avere un vino d’annata tra le mani?

Proprio perché non è mai stato un appassionato di vino ho avuto dubbi fino all’ultimo momento, ma poi ho avuto la sorpresa della sua reazione: dopo attimi di vero stupore, si è commosso. Non per il mio regalo, non perché avessi scelto un vino particolare, ma perché quell’etichetta di 60 anni prima gli aveva portato alla memoria ricordi ed emozioni che ormai si era dimenticato!

Secondo voi quella bottiglia è mai stata aperta e bevuta? Assolutamente no, è ancora oggi lì su quel bel piedistallo fieramente esposta sul camino e raccontata agli ospiti di casa quando la vedono.

Con questo non voglio dire che una bottiglia di vino invecchiato non possa o non debba mai essere aperta e bevuta, anzi, ma semplicemente che deve essere sdoganata, dissociata, dal concetto di vino degustabile a cui siamo abituati ed interpretata come ciò che in realtà è: un importante oggetto da collezione che prima di tutto è veicolo di ricordi, memorie e prestigio, un regalo emozionante ed emozionale, reso ancora più pregiato dall’importanza del produttore o del tipo di vino.

Insomma, forse non sarà buona da bere ma di sicuro è veicolo di emozione e sentimenti, che a differenza del vino non si bevono ma nemmeno finiscono versati nell’ultimo calice.